24/06/2020

Cosa cambia con le “leggi COVID-19” per i cittadini
News

Comunicato 24.06.2020

Le due leggi COVID-19 adottate dalla Camera dei deputati il 22 giugno definiscono il quadro giuridico applicabile durante il periodo della pandemia di COVID-19 dopo lo stato di crisi. Questo termina mercoledì 24 giugno 2020 a mezzanotte.

Il Ministro della Sanità Paulette Lenert ripresenta la sua richiesta di responsabilità individuale: “Finché non vi saranno farmaci efficaci contro la malattia COVID-19 o il vaccino contro il virus SARS-CoV-2, queste misure rappresentano il modo più efficace per combattere l’epidemia ed è agendo responsabilmente che ciascuno di noi può aiutare a prevenire la diffusione del virus e prevenire una seconda ondata.”

La nuova legge sugli individui mette in atto una serie di misure applicabili ai cittadini per continuare la lotta contro la pandemia di COVID-19. Ruotano attorno a tre assi:

  • Supervisione delle riunioni di massa;
  • L’applicazione di misure protettive come indossare una mascherina o prendere le distanze;
  • La rapida identificazione, monitoraggio e rimozione di persone infette e potenzialmente infette.

La nuova legge sul lato commerciale introduce una serie di misure relative alle attività economiche, sportive o culturali e all’accoglienza del pubblico. Stabilisce le attuali restrizioni e regole sulla salute, ad esempio in ristoranti, bar e caffetterie, nonché sanzioni.

Misure di protezione obbligatorie

E’ obbligatorio indossare una mascherina:

  • Per gli utenti del trasporto pubblico (autobus, treno, tram); il conducente è esente dall’uso obbligatorio di una maschera quando è rispettata una distanza interpersonale di due metri o quando un cartello lo separa dai passeggeri;
  • Per attività che accolgono il pubblico: negozi, biglietterie, attività culturali, tempo libero, ecc.

Non è necessario indossare una mascherina:

  • per bambini di età inferiore a 6 anni;
  • per minori di età inferiore ai 13 anni per attività all’aperto;
  • per le persone con disabilità con un certificato medico che giustifica questa esenzione e che stanno attuando misure sanitarie per prevenire la diffusione del virus;
  • per gli attori culturali e sportivi durante l’esercizio delle loro attività.

Distanza obbligatoria o obbligo d’indossare una mascherina:

  • Riunioni di oltre 20 persone in occasione di eventi organizzati in uno stabilimento chiuso o in un luogo aperto sono autorizzati alle seguenti doppie condizioni:
    • La fornitura di posti assegnati alle persone che partecipano all’evento;
    • Rispetto della distanza di due metri tra le persone o indossare una mascherina.

Durante le riunioni in luoghi privati il Ministero della Salute raccomanda vivamente di applicare misure di distanziazione, rispettivamente di indossare una mascherina o un dispositivo equivalente quando la distanza di due metri non può essere rispettata.

  • L’obbligo di assegnare posti a sedere non si applica quando si esercita la libertà di manifestare o ai funerali all’esterno. Tuttavia, indossare una mascherina è obbligatorio se non è possibile rispettare una distanza interpersonale di due metri.
  • Durante fiere, spettacoli e mercati, l’uso della mascherina è obbligatorio in ogni momento per gli espositori e per i visitatori quando non è possibile rispettare una distanza interpersonale di due metri.

Misure specifiche

  • I ristoranti, i bar, le sale di ristorazione degli esercizi ricettivi, le fiere dei consumatori, le mense e qualsiasi altro luogo di ristorazione occasionale sono tenuti ad applicare le seguenti misure:
    • I clienti vengono serviti solo nei posti a sedere;
    • Ogni tavolo può ospitare solo un numero massimo di 10 persone a meno che non appartengano alla stessa famiglia;
    • I tavoli affiancati sono separati da una distanza di almeno 1,5 metri o, nel caso di una distanza più breve, da una barriera o da una separazione fisica per limitare il rischio di infezione;
    • Indossare una mascherina è obbligatorio per il cliente quando non è seduto al tavolo;
    • Indossare una mascherina è obbligatorio per il personale a diretto contatto con il cliente;
    • La chiusura deve avvenire al più tardi a mezzanotte senza alcuna deroga.
  • Le aree benessere (sauna, hammam, ecc.) possono essere occupate da una sola persona o da più persone della stessa famiglia.
    • È vietato il contatto fisico nel contesto di attività sportive ad eccezione degli atleti d’élite. Questa eccezione si applica anche ai programmi sportivi organizzati da Sportlycée, ad eccezione delle competizioni.
    • È vietato il contatto fisico nel contesto di attività culturali, ad eccezione degli attori professionisti del teatro e del cinema, nonché dei ballerini professionisti, fatto salvo il rispetto delle norme di prevenzione nel contesto della lotta contro la pandemia di COVID. 19. Un regolamento granducale può imporre regole sanitarie di depistaggio, distanziamento e disinfezione.

Attività vietate

  • Le fiere e gli spettacoli sono vietati, a meno che non siano organizzati all’aperto.
  • I night club devono rimanere chiusi.

Questi divieti sono spiegati dall’aumentato rischio di contaminazione e dall’impossibilità di rispettare le regole del distanziamento sociale durante questi eventi.

Misure necessarie per seguire l’evoluzione del virus
La legge riguardante le persone fisiche prevede anche le disposizioni necessarie per monitorare l’evoluzione della diffusione del virus SARS-CoV-2 e lo stato di salute delle persone infette o ad alto rischio d’infezione.

Le persone infette comunicano al Direttore della Sanità un numero di informazioni strettamente limitate sul loro stato di salute e sull’identità delle persone di contatto nelle ultime 48 ore. I responsabili di viaggi organizzati con mezzi collettivi di trasporto di persone, i responsabili di ospedali, strutture ricettive o reti sanitarie possono anche essere tenuti a fornire determinate informazioni al Direttore della Salute, su richiesta di quest’ultimo.

In tutti i casi, il trattamento di questi dati è effettuato in conformità con la legislazione applicabile in materia di protezione dei dati personali. I dati personali trattati sono resi anonimi dopo un periodo di tre mesi dalla fine della crisi.

Inoltre, se esistono motivi medici che consentono di ritenere che le persone interessate presentino un rischio elevato di infettare altre persone, il Direttore della Sanità può adottare, sotto forma di prescrizione medica, alcune misure per quanto riguarda queste persone, vale a dire:

  • Mettere in quarantena il positivo presso la residenza effettiva o altro luogo di residenza, per un periodo di sette giorni con la presentazione a un test di screening per l’infezione con il virus SARS-CoV-2 dal quinto giorno. In caso di rifiuto di sottoporsi a un test di screening il quinto giorno, la quarantena è estesa per un massimo di sette giorni;
  • Isolamento, presso la residenza effettiva o altro luogo di residenza con divieto di uscita, per un periodo rinnovabile di due settimane, in caso di risultato di un test positivo per il virus SARS-CoV-2, a massimo due volte.

Alla persona interessata è rilasciato un certificato di incapacità lavorativa o esenzione dalla scuola. Può presentare ricorso contro l’ordinanza del Direttore della Sanità dinanzi al tribunale amministrativo, entro tre giorni dalla notifica o dalla ricezione dell’ordine.

Se la persona infetta rappresenta un pericolo per la salute degli altri e si oppone all’abitazione in un altro luogo idoneo, il presidente del tribunale distrettuale del luogo di domicilio o della residenza dell’interessato può decidere , per ordine, il parto forzato della persona infetta in uno stabilimento ospedaliero o in un’altra istituzione, stabilimento o struttura idonei e attrezzati, per una durata massima della durata dell’ordine di isolamento rimanente da eseguire . Questa misura è inquadrata da condizioni molto rigide che sono dettagliate nell’articolo 6 della legge relativa alle persone fisiche.

Entrambe le leggi sono applicabili per un mese e possono essere adattate in qualsiasi momento, se necessario. Qualsiasi modifica richiederà un intervento da parte della Camera dei deputati.

Allegati
Gli allegati possono essere scaricati dai siti web seguenti :
www.covid19.lu et portale www.sante.lu.

Comunicato del Ministère de la Santé