23/09/2020

Misure COVID-19: scadenze prorogate fino al 31 dicembre 2020
News

Comunicato del 23.09.2020

Il termine per detenere l’Assemblea Generale da remoto e senza presenza fisica è stato prorogato di tre mesi fino al 31 dicembre 2020.

Mentre l’epidemia di coronavirus continua ad avere conseguenze sulla gestione delle società e di altre persone giuridiche (in particolare associazioni e fondazioni), si propone di estendere le misure che consentono alle società e alle persone giuridiche elencate nel disegno di legge a tenere le loro assemblee generali e altre riunioni essenziali senza la presenza fisica.

Tale provvedimento era stato inizialmente previsto dal Regolamento Granducale del 20 marzo 2020 che introduceva misure riguardanti lo svolgimento di riunioni nelle società e in altre persone giuridiche, poi prorogato dalla legge del 20 giugno 2020 che prorogava le misure relative allo svolgimento delle riunioni nelle società e altre persone giuridiche.

Nella misura in cui gli effetti della legge del 20 giugno 2020 verranno meno il 30 settembre 2020, il presente disegno di legge propone pertanto di consentire lo svolgimento a distanza delle riunioni degli organi decisionali delle società e delle altre persone giuridiche interessate fino al 31 Dicembre 2020.

Tuttavia, il termine per il deposito dei conti annuali chiuso al 31 dicembre 2019 presso il Registro delle Imprese, fissato dalla legge del 22 maggio 2020 che proroga i termini per il deposito e la pubblicazione dei conti annuali, dei conti consolidati e delle relative relazioni durante Lo stato di crisi è rimasto invariato: il deposito deve essere eseguito entro e non oltre il 31 ottobre 2020.

Prorogato fino al 31 dicembre 2020 anche il termine per i comuni per celebrare le nozze in un edificio comunale diverso dalla casa comunale.

Dati gli imperativi di salute pubblica in relazione alla pandemia del virus COVID-19, la continuità dell’applicazione rigorosa delle misure di barriera è essenziale. Di conseguenza, l’organizzazione delle cerimonie nuziali nei Comuni rappresenta ancora un problema per un certo numero di essi.

Questo è il motivo per cui il termine per la celebrazione del matrimonio in un edificio comunale diverso dalla sede comunale nel contesto della lotta contro la pandemia COVID-19 è stato prorogato fino al 31 dicembre 2020.

Comunicato del Ministère de la Justice