28/04/2020

Una strategia di de-confinamento incorniciata da misure sanitarie e di ricerca
News

Comunicato stampa 28.04.2020

Nell’ambito della sua strategia di uscita, il Governo lussemburghese può contare sul sostegno della ricerca lussemburghese, in particolare la Task Force COVID-19 di Research Luxembourg. In stretta collaborazione con il Ministero dell’istruzione superiore e della ricerca e con il Ministero della sanità, la Task Force COVID-19 ha sviluppato una “Strategia di screening su larga scala” basata su un test diagnostico volontario accessibile a popolazione, compresi i residenti frontalieri della Grande Regione. Ciò consentirà al Lussemburgo di sostenere più da vicino e consapevolmente la graduale revoca delle restrizioni al contenimento. Maggiore è la partecipazione, tanto più importante sarà la protezione dell’intera popolazione.

“Date le dimensioni del Lussemburgo e il suo numero di abitanti, abbiamo una grande opportunità: possiamo testare gradualmente l’intera popolazione contro il nuovo coronavirus in un periodo di tempo relativamente breve. Questo ci rende il primo Paese al mondo ad avere una visione d’insieme del numero di cittadini infetti “, ha dichiarato il Ministro dell’Istruzione superiore e della ricerca Claude Meisch. Quest’approccio mira a ridurre il periodo di confinamento e ridurre i problemi psicologici, economici e sociali.

L’obiettivo generale è quello di evitare una seconda ondata di persone infette nel contesto di misure di de confinamento, e quindi l’istituzione di un nuovo contenimento.

8.500 test per studenti e insegnanti questa settimana, 20.000 test al giorno in una fase successiva

I primi test sono previsti per questa settimana: circa 6.000 alunni delle classi terminali del liceo e 2.500 insegnanti hanno l’opportunità di essere testati prima di tornare a scuola dal 4 maggio 2020. Saranno informati per posta. I test sono volontari: tutti possono essere testati, nessuno è obbligato a farlo.

La strategia di test è di espandere la capacità a 20.000 test al giorno. L’obiettivo è quello di essere in grado di testare l’intera popolazione, in modo progressivo e per contingenti, in alcuni casi più volte.

Rompere la catena d’infezione

“L’elevato numero di test che saranno eseguiti aiuterà a valutare l’estensione della diffusione del virus e a rilevare per la prima volta i casi asintomatici che, secondo le stime attuali, rappresentano fino all’80% dei casi. Ciò significa che possiamo rilevare molte più persone infette di prima, le mettiamo in isolamento e seguiamo i loro contatti, spezzando così la catena dell’infezione “, ha dichiarato il Ministro della Sanità Paulette Lenert. “Poiché la protezione è tanto più importante in quanto il numero di persone sottoposte a test è elevato, incoraggiamo tutti i cittadini del Paese a partecipare a questa misura di sanità pubblica”, ha aggiunto.

Nei prossimi giorni e settimane saranno installate fino a 17 stazioni nel Paese, dove potranno essere testati i residenti in Lussemburgo, ma anche i lavoratori transfrontalieri.

“Siamo lieti che il Governo abbia fiducia nella ricerca lussemburghese per sostenerlo in questa fase storica. L’obiettivo è di studiare efficacemente la diffusione del virus e tenerlo sotto controllo”, ha affermato Ulf Nehrbass, portavoce del Task force COVID-19 e direttore generale dell’Istituto lussemburghese di sanità (LIH).

I fondamenti della strategia di screening su larga scala

Test e distribuzione della popolazione in contingenti

La strategia di screening del Lussemburgo si basa su test su larga scala, in cui la popolazione non è considerata nel suo insieme, ma suddivisa in contingenti diversi. I test dei contingenti sono eseguiti in 3 fasi:

• Fase 1: viene testata una popolazione rappresentativa di un contingente. I risultati di questi test forniscono un’indicazione di quando il contingente può essere esentato dalle restrizioni e quando dovrebbe essere testato su larga scala.

• Fase 2: tutti i membri del contingente sono invitati a essere testati su base volontaria.

• Fase 3: un gruppo rappresentativo viene selezionato poco dopo le misurazioni di de-confinamento per essere testato una seconda volta. Questo aiuta a controllare se e come il virus si diffonde all’interno del contingente.

Per quelli testati negativi, le misure di contenimento sono revocate. Le persone che risultano positive devono essere messe in isolamento. I loro contatti vengono rintracciati, testati e messi in quarantena per spezzare la catena dell’infezione.

Proiezioni per guidare meglio la strategia di de-confinamento

“Le proiezioni che elaboriamo sulla base dei risultati dei test aiutano i decisori politici a prendere le loro decisioni in merito alla strategia di uscita e ad adattare le misure in qualsiasi momento. Tra gli indicatori importanti vi sono, ad esempio, la capacità per rintracciare i contatti e la capacità del sistema sanitario”, ha affermato il professor Rudi Balling, direttore del Centro di biomedicina dei sistemi dell’Università del Lussemburgo.

La Task Force COVID-19 è perfettamente qualificata per farlo. In collaborazione con il Ministero della Salute, ricercatori, statistici e medici collaborano quotidianamente per stabilire proiezioni le più precise possibile per il Lussemburgo, sulla base delle quali i decisori possono quindi decidere le misure da adottare. Questo progetto, che fa parte di un obiettivo di salute pubblica, consentirà anche alla ricerca di comprendere meglio il virus a medio termine e quindi di imparare a convivere meglio con il virus. Inoltre, l’esperienza acquisita oggi servirà anche a lungo termine per prepararsi meglio come Paese se dovesse sorgere un’altra pandemia in futuro.

Facilitare il percorso verso la normalità

Quello che stiamo facendo qui in Lussemburgo è unico. Il Lussemburgo può testare più ampiamente di qualsiasi altro Paese fino ad oggi. Questo ci consentirà di intraprendere il difficile cammino verso la normalità nel modo più controllato possibile. i rischi sono ridotti al minimo, fornendo al contempo una solida base per le decisioni del Governo “, conclude Ulf Nehrbass.

Il depistaggio su larga scala in un colpo d’occhio

La strategia di screening su larga scala sviluppata dalla Task Force COVID-19 tiene conto dei seguenti 5 elementi:

• Monitoraggio continuo dei parametri-chiave – per monitorare l’evoluzione della pandemia COVID-19 in Lussemburgo in ogni momento e per fornire una base su quali decisioni possono essere prese riguardo alla dimensione dei test e all’introduzione di misure per rilassamento o restrizione;

• Divisione della popolazione in contingenti;

• Elevata capacità di collaudo: lo screening di ogni contingente allo scopo di testare gradualmente e su base volontaria la maggior parte possibile della popolazione, con conseguente esenzione da misure restrittive per coloro il cui test è negativo;

• L’isolamento delle persone risultate positive;

• La ricerca efficiente e rapida dei contatti delle persone positive e misure di quarantena successive.

Cos’è la Task Force COVID-19?

Misure efficaci nel contesto della pandemia COVID-19 richiedono una stretta cooperazione tra ricerca, ospedali e governo in Lussemburgo. Per questo motivo, Research Luxembourg (LIH, LISER, LIST, LNS, Luxinnovation, University of Luxembourg e FNR, sotto il coordinamento del Ministère de l’Enseignement supérieur et de la Recherche) ha istituito la Task Force COVID-19 a contribuire a una migliore attuazione delle iniziative pertinenti. Sulla base di un elenco di priorità elaborate dai Ministeri e da altri partner, sono stati definiti numerosi gruppi di lavoro, sui quali la Task Force COVID-19 lavorerà nelle settimane e nei mesi a venire. In collaborazione con il Governo, il gruppo di lavoro COVID-19 ha il ruolo di fornire input scientifici per consentire al Governo di perseguire una strategia di uscita basata su dati concreti e affidabili. A tal fine, la Task Force COVID-19 lavora costantemente agli aggiornamenti sull’evoluzione della pandemia in Lussemburgo e presenta concetti e raccomandazioni da un punto di vista scientifico in modo che possano essere integrati nel processo decisionale politico.

Comunicato del Ministère de la Santé/ Ministère de l’Enseignement supérieur et de la Recherche/ Research Luxembourg